Chi è Carlotta Bertotti: la rinascita e la sua lotta per la body positivity

- Advertisement -

Carlotta Bertotti: scopriamo chi è la giovane modella e influencer che ha saputo superare le insicurezze sul suo aspetto fisico.

Carlotta Bertotti sarà una delle protagoniste della puntata di venerdì 20 maggio di Oggi è un altro giorno. La ragazza racconterà la sua storia nel salotto di Serena Bortone, una vicenda legata al superamento delle paure e all’accettazione di sé stessi: andiamola a scoprire.

Chi è Carlotta Bertotti

Carlotta Bertotti è una giovane modella e influencer e soprattutto è nata con un nevo di Ota su metà del volto, ovvero un’alterazione della pigmentazione della cute e delle strutture oculari. Questo nevo di Ota di configura come una vera e propria macchia che occupa metà del volto della ragazza, che ha sofferto molto durante la sua crescita per questa alterazione della sua pelle.

La ragazza ha già raccontato la sua storia in televisione, a I Fatti Vostri, e ha raccontato come sin da piccola ha avuto molte difficoltà ad accettare il suo aspetto, con le insicurezze che crescevano insieme alla sua macchia. Carlotta ha sempre cercato di mascherarla col trucco, ha cercato di nascondersi dallo sguardo delle persone e ha sviluppato una paura a stringere ogni tipo di relazione.

Una situazione molto difficile e dolorosa, ma Carlotta ha finalmente poi trovato la forza per reagire e accettare il suo aspetto. Dopo la maturità, la ragazza ha organizzato una gita al mare e un giorno si è presentata senza trucco e con un entusiasmo ritrovato, vedendo come il suo aspetto naturale non suscitasse reazioni negative da parte dei suoi amici. Da quel momento è iniziata una seconda vita per Carlotta, che ha coronato il suo sogno di lavorare nella moda, facendosi notare come influencer e iniziando a posare nei primi set fotografici. Carlotta ha quindi superato le paure legate al suo aspetto e s’impegna a lanciare messaggi sulla body positivity e sull’accettazione di se stessi, portando il suo esempio a tutte le persone che hanno problemi nell’accettarsi.