Luigi Strangis tra Sanremo e il feat con Brunori Sas made in Calabria

- Advertisement -

Luigi Strangis si racconta con la stampa calabrese. Con noi di Contrataque ha parlato di Sanremo e del desiderio di un feat made in Calabria

Insieme ad altri colleghi abbiamo avuto il piacere di incontrare e intervistare il vincitore di Amici 2022 Luigi Strangis. Il giovane cantante ha risposto alle nostre domande, raccontando il legame con la sua Calabria, i progetti per il futuro e la sua vita dopo la vittoria del talent condotto da Maria De Filippi.

Ciao Luigi, come si può vedere dai social i tuoi instore stanno andando benissimo: ci sono in programma anche dei live o per ora solo degli instore?
“C’è da aspettare un po’ per sapere qualcosa in più, ma i live ci saranno e ci sarà anche qualcosa in Calabria. Non posso essere più specifico, ma posso dire che qualcosa ci sarà. Ora sono concentrato sugli instore, mi permettono di vedere da vicino un pubblico tanto caloroso, poi si vedrà per il futuro”.

Rimanendo in tema Calabria, hai in programma di girare un videoclip in Calabria? Magari a Lamezia Terme? (Domanda di Contrataque.it)
“Mai dire mai. Per ora ho girato il video di Tienimi Stanotte, per i prossimi video sicuramente posso pensare alla Calabria come location, ma dipende molto dalla canzone. Non posso pensare prima alla location e poi alla canzone, perché molto dipende da cosa esprime il brano”.

Che sensazioni hai avuto incontrando personalmente il pubblico?
“Non mi aspettavo tutto questo calore. Sono stato per mesi praticamente fuori dal mondo e questa esperienza, seppur formativa, non ti dà la sensazione di cosa stia realmente succedendo. Ricevere l’abbraccio così caloroso del pubblico è stata una sorpresa grande, mi sento bene e mi diverto quando faccio questi eventi, non mi stanco mai, resterei tutta la notte in compagnia di chi viene. Purtroppo non posso abbracciare nessuno, spero di poterlo fare appena sarà possibile”.

Parliamo di featuring: ne hai in mente qualcuno e c’è qualche artista con cui ti piacerebbe duettare? (Domanda di Contrataque.it)
“In cantiere per ora non c’è nulla perché vorrei prima concentrarmi su me stesso e sul mio percorso, però chiaramente non mi chiudo mai nessuna porta. Un featuring che mi piacerebbe fare è con Brunori Sas, io lo adoro e poi siamo entrambi calabresi”.

Come sta andando il tuo EP? Che risposte stai avendo?
“Sono molto contento, ho notato tra l’altro che Riflessi, pezzo uscito con l’EP e molto semplice, registrato live, sta piacendo moltissimo e non me l’aspettavo. Mi arrivano molti messaggi con complimenti riguardo quel pezzo e sono molto felice di questa cosa. È un pezzo molto intimo, lo sento molto mio e come ho detto la registrazione è stata semplice e quindi il riscontro positivo mi ha sorpreso. Le altre canzoni erano già conosciute, però sono molto felice di come sta andando l’EP. Tienimi stanotte e Riflessi sono le canzoni a cui tengo di più”.

Ripercorrendo la tua esperienza ad Amici, da quando sei entrato a quando sei uscito com’è cambiato il tuo punto di vista sulla tua musica e su te stesso? (Domanda di Contrataque.it)
“ Il punto di vista è cambiato molto. Io sono sempre lo stesso, non sono cambiato, ma ho iniziato a vedere le cose in maniera diversa. Noti le piccole cose che finiscono per fare la differenza e si avverte una grande crescita sia musicalmente che umanamente. Tutto ciò aiuta anche a scrivere in maniera diversa. Una cosa che aiuta molto è lo studio delle cover, anche di canzoni che conoscevo già, ma affrontandole con uno studio più approfondito, non solo del lato tecnico ma anche sull’interpretazione e sul significato del brano e tutto ciò ti aiuta tantissimo ad avere nuove sensazioni, sia musicali che non. È un’esperienza che ti permette di vedere le cose in maniera diversa, con degli occhi che alla fine dovremmo avere tutti”.

Dopo Amici hai avuto proposte da diverse major, ma hai deciso di rimanere a casa con la 21co: come mai questa scelta?
“Io sono onorato delle proposte ricevute, però volevo continuare a lavorare come ho fatto finora. Volevo continuare questo percorso, con le persone con cui sono stato bene. Qui so che posso essere ascoltato, stavo bene e non vedevo perché cambiare”.

Da parecchi anni vediamo che l’evoluzione del percorso di un vincitore di Amici o comunque di un artista che esce dal talent è la partecipazione a Sanremo quasi immediata: anche nei tuoi piano c’è questo obiettivo? (Domanda di Contrataque.it)
“Chiaramente sarebbe un onore partecipare a Sanremo, ma devo andare quando sto bene io, quando ho un pezzo che mi piace davvero e sento di poterlo portare su un palco così importante. A Sanremo andrei col pezzo giusto, ma non so quando. Penso a fare le cose passo dopo passo, se succede ne sarò felice, ma ora non ci penso”.

Amadeus ha detto che ti vorrebbe a Sanremo: hai letto queste dichiarazioni?
“Ho letto qualcosina e ovviamente ne sono davvero onorato. Amadeus ha fatto un lavoro strepitoso negli ultimi anni e il fatto che mi voglia a Sanremo mi riempie di gioia. Come ho detto, però, devo prima stare bene io, poi vedremo”.

Come stai vivendo questo successo?
“Io cerco sempre di mandare via ogni malessere col sorriso. Cerco di vivere tutto bene, con leggerezza, mi piace lavorare con le persone da cui sono circondato e intorno a me non sento nessun malessere”.

Come vivi le aspettative che montano nei tuoi confronti?
“Fanno un po’ di paura, ma non creano malessere. È una situazione totalmente nuova, mi ci sto abituando e continuo a rimanere quello di sempre e a fare quello che ho sempre fatto”.

Hai esordito ad Amici con un pezzo scritto da te, poi ti sei avvalso di alcune collaborazioni: penso di tornare sulla strada del cantautorato personale?
“Perché no, io prima di entrare ad Amici non avevo mai collaborato con nessuno e qui ho scoperto questo mondo, che mi piace, però a me piace molto anche scrivere i miei pezzi. Continuerò a lavorare come ho fatto sempre nella mia vita”.