Scherzi a parte 23 giugno 2022 vittime terza puntata: gli scherzi

- Advertisement -

Scherzi a parte torna in televisione con la terza puntata: andiamo a scoprire tutti gli ospiti dell’episodio di giovedì 23 giugno.

Torna come ogni giovedì l’appuntamento con Scherzi a parte, che sta andando in onda con la replica dell’ultima edizione, in attesa che in autunno arrivi la nuovissima stagione. Andiamo dunque a vedere chi sono i vip che in questa puntata cadranno vittime degli scherzi dell’equipe del programma condotto da Enrico Papi.

Scherzi a parte: scherzi e vittime del 23 giugno

Le vittime di questa terza puntata del programma di Canale 5 sono cinque: Elettra Lamborghini, Giorgio Mastrota, Rocco Siffredi, Elenoire Casalegno e Massimo Giletti. Andiamo a scoprire meglio cosa succedere ai cinque poveri vip vittime degli scherzi della troupe televisiva. Per quanto riguarda la cantante, Elettra si ritroverà all’interno di una location davvero terrificante dove è stata attirata per uno shooting fotografico. Rocco Siffredi invece farà la scoperta che, nei più oscuri meandri del dark web, un misterioso utente sta vendendo alcune cose che gli appartengono e il re del porno non prenderà benissimo la faccenda.

Si continua con lo scherzo a Giorgio Mastrota, che decide di trasferirsi nella sua nuova casa a Bormio con la famiglia, ma si troverà a dover affrontare parecchi imprevisti che gli renderanno il trasferimento molto complesso. Elenoire Casalegno viene invece ingaggiata come testimonial di un marchio di palestre, ma le foto della campagna pubblicitaria verranno visibilmente modificate, causando l’ira furente della conduttrice. Infine, Massimo Giletti avrà il grande onore di autografare il suo ultimo libro con una penna appartenuta al leggendario poeta Gabriele D’Annunzio, ma quando questa penna scomparirà, per il giornalista avrà inizio un vero e proprio incubo.

L’appuntamento va dunque a giovedì 23 giugno, in prima serata su Canale 5, per una nuova puntata di Scherzi a parte, sotto la conduzione come al solito di Enrico Papi.