Tommaso Buscetta come è morto: causa morte

Tommaso Buscetta come è morto: causa morte

Tommaso Buscetta è morto ammazzato o per una malattia? È la domanda frequente che si pone chi cerca la causa della morte del pentito.

Tommaso Buscetta è morto il 2 aprile del 2000 all’età di 72 anni negli Stati Uniti d’America di preciso a North Miami. Nonostante le vicende criminali in cui è stato coinvolto non è morto sparato. A Don Masino hanno ucciso 11 parenti tra cui due figli e 4 nipoti. Si è pentito collaborando con Giovanni Falcone per il maxi processo di Palermo. La causa della morte di Tommaso Buscetta è un tumore, nello specifico un mieloma multiplo. La malattia che ha sfiancato per anni il pentito è un cancro che ha attaccato nel suo caso prima il sangue poi le ossa.

Fonti non ufficiali hanno parlato per Don Masino anche di amiloidosi che associato al mieloma porta a far moltiplicare le proteine che hanno generato numerose metastasi  appesantendo anche gli organi vitali. Il tumore che poi ha portato alla morte era stato rivelato dallo stesso Buscetta a Repubblica nel 1997. Raccontò di quanto le chemioterapie lo avevano sfiancato e di quanto non avesse più voglia di vivere, nonostante avesse sfidato la morte in faccia pentendosi.

Un anno prima di morire Don Masino sembrava aver vinto la battaglia contro la malattia le cure nuove sembravano funzionare e i dottori erano ottimisti. Il mieloma multiplo è un cancro particolarmente aggressivo. Al paziente che soffre di questa malattia le conseguenze sono molteplici come la stanchezza cronica, confusione, dolori alle osse e complicanze renali.