Roberto Baggio dove vive: la tenuta di famiglia

Roberto Baggio dove vive: la tenuta di famiglia

Roberto Baggio oggi vive con moglie e figli nella sua tenuta in provincia di Vicenza, una fattoria che produce prodotti della natura con un salotto da sogno

Roberto Baggio, noto come il Divin Codino, dopo aver concluso la sua carriera da calciatore nella vita fa il fattore. Sì è proprio così, non è una battuta. Con sua moglie Andreina Fabbi e i suoi tre figli Valentina, Mattia e Leonardo vive in una tenuta immersa nella natura in campagna precisamente nella sua provincia natale Vicenza. Quella che si dice una vera e propria fattoria in chiave shabby chic da come si evince dai pochi scatti pubblicato sul profilo Instagram di sua figlia Valentina. Non è difficile intravedere tra pini, tamerici e cipressi, un antico casale in pietra su più piani che si apre sulla vegetazione con una moderna porta in vetro. La tenuta di famiglia dove vive Roberto Baggio è un’azienda agricola, la sua attività principale perché dopo il calcio giocato non ha più messo il piede sul prato verde sintetico, ma solo di campagna.

In pochi sanno infatti che Roberto Baggio ha una licenza di allenatore, ma non ha lavorato per nessuna squadra professionistica. Dopo la fine della sua carriera, si è allontanato dal calcio. Trascorre così il tempo nel suo ranch nel comune di Altavilla Vicentina, rilassandosi nella natura con la sua famiglia e dove non è difficile vederlo lavorare la terra e occuparsi delle tipiche attività di campagna. La figlia Valentina ha infatti pubblicato uno scatto dove si vede Roberto Baggio in tenuta agricola impegnato come un vero contadino. Una passione che lo tiene impegnato e che lo tiene lontano dal dolore che prova per l’incapacità di poter tornare a giocare. Anni fa infatti ha ammesso in un’intervista di non poter mettere giocare a calcio in cortile con suo figlio. Dopo il suo addio al calcio giocato, sono state rare le apparizioni televisive del Divin Codino che non rifiuta le foto ai fan ma non è presente sui social network per una scelta personale. Una piccola curiosità che arriva sempre dalla tenuta dove vive oggi Roberto Baggio con la sua famiglia: pratica buddismo e ha una palestra privata dove probabilmente continua a tenersi in forma. La vita di campagna sembra essere sempre stata una sua grande passione, se pensiamo che dopo aver lavorato in nazionale sia stato attivamente coinvolto in attività di beneficenza nel settore agricolo. Roberto Baggio è infatti ambasciatore per l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura della Nazioni Unite, viaggia attivamente per il pianeta, visitando luoghi disagiati e aiutando i suoi abitanti. Per aver contribuito a raccogliere fondi per le vittime del terremoto di Haiti e per aver costruito ospedali nei paesi del terzo mondo, l’ex calciatore è stato insignito del prestigioso Peace Summit Award, che viene assegnato ai vincitori del Premio Nobel per la Pace. Baggio è stato insignito anche dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Roberto Baggio e la tenuta in Argentina

Non è solo la provincia di Vicenza il luogo dove vive Baggio. In pochi sanno che già durante la sua attività da calciatore, era divenuta celebre la sua passione per la caccia che lo spingeva spesso a trasferirsi in Argentina dove possiede una tenuta. Come dichiarato a TTGItalia, ancora oggi ogni anno si reca in Sudamerica perché lo trova un luogo incantato e dove adora risiedere. In particolare Roberto Baggio ha una passione per i tramonti e nella sua casa in Argentina ama mettersi seduto all’esterno e attendere che il sole si spenga nella laguna che ha davanti ai suoi occhi. Uno spettacolo natura impareggiabile. A giugno 2022 il Divin Codino è tornato in Argentina a Buenos Aires per inaugurare la livrea a lui dedicata presente sull’aereo dell’ITA Airways. Un emozione unica per l’ex calciatore che ha un legame speciale con Buenos Aires e che è sempre stato un accanito viaggiatore. Baggio è legato all’ITA Airways anche per un progetto dal nome Il talento prende il volo che si occupa di formare giovani piloti con un bando che possa essere più agevole per tutti in collaborazione con la Fondazione Gilardi.

Copyright Image: ABContents