Il nemico alle porte storia vera: il cruento duello nella realtà

Luca Incoronato
18/01/2023

Il nemico alle porte storia vera: il cruento duello nella realtà

Il nemico alle porte storia vera: il duello tra cecchini durante la Seconda Guerra Mondiale diventa un film con Jude Law ed Ed Harris

Il nemico alle porte è una storia vera, adattando un episodio della Seconda Guerra Mondiale, il che rende la trama molto più avvincente. È un film drammatico e di guerra uscito al cinema nel 2001, ispirato al romanzo Enemy at Gates: The Battle for Stalingrad di William Craig. La storia inizia nel 1942, in seguito all’invasione dell’Unione Sovietica da parte della Germania di Hitler. Il protagonista della storia vera di Il nemico alle porte è Vasilij Zaytsev, un tempo pastore e oggi soldato dell’Armata Rossa, costretto a combattere per difendere Stalingrado. Un dramma umano atroce, dal momento che a nessun soldato russo veniva data la possibilità di ritirarsi, dovendo prendere l’arma dei propri fratelli morti e continuare a sparare. Vasilij mette in pratica gli insegnamenti di suo nonno e mostra il proprio talento come tiratore. Un vero cecchino destinato a diventare un eroe nazionale, per poi essere assegnato all’assassinio degli alti ufficiali nazisti, al punto che la Germania deve mandare sul posto il suo miglior cecchino, Erwin Konig, per una sfida mortale ad altissima tensione.

Il nemico alle porte è una storia vera, come detto, ma le cose non sono andate esattamente come raccontato nella pellicola, che adatta una parte della vicenda. Gli storici riportano di un duello da romanzo tra due cecchini, uno tedesco e l’altro russo, i cui nomi sono Erwin Konig, SS Standartenfuhrer, e Vasilij Zaytsev. Una battaglia all’ultimo sangue, basata quasi esclusivamente sulla scelta del posizionamento del tiratore, durata quattro giorni e terminata con la vittoria di Zaytsev. Vi sono dei dubbi sulla storia vera di Il nemico alle porte, dal momento che le uniche fonti sono russe e non vi sia traccia di tutto ciò nel rapporto del dipartimento politico dell’Armata Rossa. Il duello tra cecchini è però riportato nel libro di memoria del generale Cujkov, così come in quello dello stesso Zaytsev. Il successo, dopo giorni tremendi, fu del cecchino russo, che scoprì l’identità del tiratore nazista tramite i documenti trovati sul suo cadavere. Pare che fosse riuscito a individuare la sua posizione semplicemente grazie a un lieve riflesso del suo mirino, che Zaytsev ha in seguito tenuto come cimelio.

Il nemico alle porte cast

La storia vera de Il nemico alle porte ha attirato Jean-Jacques Annaud, che ha girato il film con un cast stellare, tornando al cinema quattro anni dopo Sette anni in Tibet con Brad Pitt. I due protagonisti sono Jude Law, al tempo 29enne, ed Ed Harris, con il primo che ha potuto mostrare il suo grande talento, in una carriera avviata da anni, con una nomination agli Oscar in bacheca, ma ancora a caccia di grandi conferme. Differente il discorso per il co-protagonista, il cui esordio al cinema risale 1978, e che al tempo era già stato candidato agli Oscar due volte. Come detto, però, il cast de Il nemico alle porte è stellare e comprende anche Joseph Fiennes, fratello di Ralph Fiennes (Voldemort), reduce dal successo di Shakespeare in Love e Le due verità. Nel film interpreta il commissario politico Danilov, mentre Rachel Weisz, moglie di Daniel Craig, già apprezzata ne La mummia, interpreta Tania Chernova, fidanzata di Vasilij.

Copyright Image: ABContents