Skip to main content

Le location di Black Out vite sospese: dov’è stata girata la fiction Rai con Alessandro Preziosi, impegnato in tre regioni diverse e non solo in Trentino

Black Out vite sospese è una fiction Rai con Alessandro Preziosi, che fa delle location la propria arma di punta. La trama della serie TV ha inizio con una tragedia in montagna e per girare gli otto episodi della prima stagione il cast ha girato immersi nello splendore del Trentino, che sa offrire panorami da sogno. Quando una slavina provoca una valanga, un intero paesino viene isolato dal resto del mondo, causando morte e disperazione. I pochi superstiti, locali e clienti del grande albergo, proveranno a sopravvivere, ignari del fatto che vi sia in atto un piano omicida. La Rai ha selezionato in maniera eccellente le ambientazioni di Black Out vite sospese, passando dalla Valle del Vanoi alla Val Venegia, dalla Val Canali alla villa Welsperg. Si può dire che le location della fiction Rai con Alessandro Preziosi siano tra i protagonisti, data la grande importanza per la trama. La natura isolata del luogo ha infatti offerto riparo a Claudia e sua figlia, in un programma di protezione testimoni perché la donna è testimone in un processo di camorra. Ambienti di questo tipo vantano però anche molti pericoli, come la valanga che si è verificata e la chiusura totale rispetto al mondo potrebbe dare a Giovanni Lo Bianco, il vero protagonista della fiction, la chance ideale per uccidere Claudia. Lui nasconde infatti un segreto: è legato al clan che lei sta per smantellare con la sua testimonianza. È bene precisare come Black Out vite sospese non sia una storia vera e non si ispiri alla tragedia di Rigopiano. L’unico elemento in comune è l’isolamento provocato da una terrificante valanga.

Black Out vite sospese ambientazione

La maggior parte delle scene della fiction Rai sono ambientate in un albergo di lusso, i cui ambienti non sono però affatto quelli di un hotel del Trentino. Le riprese della fiction con Alessandro Preziosi sono infatti state girate presso Villa Welsperg, luogo incantato realizzato nella metà dell’Ottocento, un tempo residenza dei conti Welsperg e oggi sede degli uffici amministrativi del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino. La trama di Black Out vite sospese vede il paesino di Valdena del tutto isolato, senza elettricità, mezzi di comunicazione e vie di fuga. In realtà si tratta di Caoria, paese molto turistico nella Valle del Vanoi, nota per essere il cuore verde del Trentino, data la sua natura prevalentemente selvaggia e i pochi insediamenti umani. Le riprese sono state realizzate tra febbraio e maggio 2022, con il cast impegnato in questa meravigliosa regione per 12 settimane, per poi spostarsi tra Napoli e Roma per altre quattro settimane di lavoro. Le location di Black Out vite sospese sono però svariate, comprendendo anche la Valle del Primiero e Val Vanegia, come detto. A spiegare il motivo delle scene a Napoli è la trama, dal momento che Giovanni Lo Bianco è fratello del boss di un temuto clan di camorra, che vuole Claudia morta. A Roma, invece, come di consueto, sono state girate molte scene di interni, con ambientazioni ricostruite ad arte a Cinecittà e non solo.

Giancarlo Spinazzola

Giornalista professionista classe '87, diverse le esperienze maturate soprattutto in ambito sportivo. Inviato per il calciomercato e le Universiadi ma anche per eventi di politica interna ed esteri, dal vertice bilaterale Italia-Francia alle elezioni. Ex direttore di Road2Sport e F1world, sono redattore per varie testate web e collaboro nella redazione sportiva della tv regionale campana Canale 21