Skip to main content

È morto Kenneth Mitchell, attore di Star Trek Discovery da tempo malato di SLA: come aveva fatto a recitare nella serie nonostante le sue condizioni di salute

La morte di Kenneth Mitchell è stata annunciata lunedì 26 febbraio 2024: l’attore canadese aveva solo 49 anni, ma era da tempo affetto da una grave malattia. Si trattava della SLA, o sclerosi laterale amiotrofica, una malattia neurodegenerativa che blocca i motoneuroni, rendendo impossibile al malato muoversi. Questa rigidità muscolare si estende dal sistema motorio al resto dell’organismo, compromettendo la capacità di parola, di deglutizione e, infine, anche di respirazione. Mitchell aveva rivelato di soffrire della malattia cinque anni fa, nel febbraio 2020, ma in realtà gli era stata diagnosticata nel 2019, e da allora era costretto a stare su una sedia a rotelle. Un fatto che aveva ovviamente complicato molto il suo lavoro di attore, com’è facile immaginare, pur senza però interromperlo del tutto. Nel 2020 aveva infatti recitato nella serie Star Trek Discovery nonostante la malattia, potendo interpretare un personaggio scritto su misura per lui. L’attore canadese era infatti divenuto abbastanza noto proprio per ruoli precedenti nella stessa serie di Star Trek, dov’era approdato nel 2017. Nella prima stagione aveva interpretato Kol, uno dei leader della fazione dei Klingon, mentre nella stagione successiva aveva recitato nella parte di Kol-Sha, ovvero del padre del personaggi che aveva interpretato nella stagione 1. Infine, sempre nella seconda annata di Star Trek Discovery aveva avuto il ruolo di Tenavik, un altro Klingon. La particolarità di questi ruoli era che, essendo degli alieni, Kenneth Mitchell era pesantamente truccato, e quindi irriconoscibile da parte del pubblico. Successivamente alla scoperta della malattia, la produzione e gli sceneggiatori dello show decisero di inserirlo nella terza stagione in ruolo pensato apposta per lui. Kenneth Mitchell recitò così per la prima volta nella serie senza nessun particolare trucco facciale, ma con il suo vero volto, grazie al personaggio dello scienziato Aurelio. Questa figura era stata concepita proprio per riflettere la condizione dell’attore canadese, e quindi si muoveva su un mezzo futuristico simile alla sedia a rotelle di Mitchell. L’attore sostenne che avrebbe gradito tornare anche nella quarta stagione nella parte di un personaggio che aveva perso la voce, portando anche in questo caso in scena la sua reale condizione, ma alla fine questa eventualità non si concretizzò.

Leggi anche: Kenneth Mitchell la moglie è una diva di Hollywood: con lei due figli

Morto Kenneth Mitchell: film e serie tv in cui ha recitato

Kenneth Mitchell

Kenneth Mitchell era nato a Torono il 25 novembre 1974, e prima di recitare in Star Trek Discovery era divenuto abbastanza noto per altri ruoli, prevalentemente in tv. Nel 2004 era apparso nel film sportivo Miracle, con Kurt Russell protagonista, recitando nel ruolo di Ralph Cox. Successivamente si era concentrato sul piccolo schermo, ottenendo un ruolo piuttosto rilevante nella serie Ghost Whisperer – Presenze, recitando in varie episodi della quarta stagione, tra il 2008 e il 2009. Nel decennio successivo, l’interprete canadese era stato uno dei volti di serie come Switched at Birth – Al posto tuo (2014) e The Astronaut Wives Club (2015). Poi iniziò appunto la sua avventura nel cast di Star Trek Discovery, dopo la quale tornò anche brevemente al cinema nel 2019, recitando un piccolo ruolo nel film Captain Marvel: era Joseph Danvers, il padre della protagonista interpretata da Brie Larson.

Nato a Novara nel 1989, è il curatore del blog Pallonate in Faccia, ha scritto per Vice Italia e Rivista Undici, e collabora con la rivista digitale Linea Mediana.