lunedì, Novembre 29, 2021

Latest Posts

Edoardo De Angelis, il cantante di Lella: storia vera della canzone

Edoardo De Angelis è uno dei più importanti cantautori della storia della musica italiana, originario di Roma. Scopriamo la storia dietro il suo più grande successo

Da Lucio Dalla ad Amedeo Minghi, da Francesco De Gregori ad Antonello Venditti e Franco Battiato, in tantissimi hanno collaborato con Edoardo De Angelis, cantautore e produttore romano autore di “Lella”. La canzone è un grande classico della canzone italiana composta insieme all’amico di infanzia Stelio Gicca Palli. Ma qual è la vera storia della canzone? 

Leggi anche | Chi è Zero Calcare: i personaggi di Michele Reich, da Secco a Sarah 

Edoardo De Angelis: la vera storia di Lella 

“Lella” nasce grazie all’ispirazione data dalla canzone “Saigon Bride” di Joan Baez. Edoardo De Angelis ha raccontato che nel 1969 era iscritto alla facoltà di Lettere a Roma e studiava con un ex compagno di liceo, Stelio. Con lui aveva iniziato a suonare la chitarra, lui era più bravo mentre De Angelis era più portato alla scrittura dei testi delle canzoni. Dopo aver ascoltato quella canzone di Joan Baez, nacquero le modalità armoniche di Lella: “Quel suono ci ispirò per comporre una nuova linea musicale, certamente riferita ai nostri modelli country folk”. 

Grazie ad un viaggio in autobus e all’insegna di un negozio di cravatte, arrivò poi il testo. Quel nome “Proietti” in Piazza Barberini fece nascere quello stato d’animo che Edoardo De Angelis descrive così: “Le parole della storia arrivavano da sole, una dopo l’altra, senza vera consapevolezza. Sceso alla fermata continuavo a farneticare, verso dopo verso, immagine dopo immagine, le strofe si sovrapponevano, arrivavano come barche trascinate dalla corrente. Arrivai a casa di mia nonna e subito telefonai a Stelio, dettandogli il fiume in piena. Lui mise ordine, ci ragionò, mi richiamò e continuammo la canzone per telefono, davanti agli occhi stupiti di mia nonna.”

Era nata così “Lella”, quasi cinquant’anni fa, la canzone con la quale Edoardo De Angelis e Stelio Gicca Palli hanno dato il via alla loro carriera nella musica, con la vittoria al Cantagiro Cantamondo del ’71: la loro storica ballata romana Lella entra nel patrimonio della musica popolare italiana. 

edoardo de angelis cantante
Fonte immagine: sito ufficiale Edoardo De Angelis

Lella: il testo integrale 

La canzone narra la storia di un uomo che racconta ad un amico di quando, quattro anni prima, ha ucciso la sua amante, Lella, la moje de Proietti er cravattaro, quello che c’ha er negozio su ar Tritone, che voleva lasciarlo proprio l’ultimo giorno dell’anno. Un femminicidio a tutti gli effetti con la confessione fatta dall’assassino ad un suo amico. Questo il testo integrale della canzone di Edoardo De Angelis: 

Te la ricordi Lella quella ricca

La moje de Proietti er cravattaro

Quello che c’ha er negozio su ar Tritone

Te la ricordi te l’ho fatta vede

Quattr’anni fa e nun volevi crede

Che ‘nsieme a lei ce stavo proprio io

Te lo ricordi poi ch’era sparita

E che la gente e che la polizia

S’era creduta ch’era annata via

Co’ uno co’ più sordi der marito

E te lo vojo di’ che so’ stato io

So’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto

Te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’

Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te

Je piaceva anna’ ar mare quann’è inverno

Fa l’amore cor freddo che faceva

Però le carze nun se le tojeva

A la fiumara ‘ndo ce sta er baretto

Tra le reti e le barche abbandonate

Er cielo griggio a facce su da tetto

‘Na matina ch’era l’urtimo dell’anno

Me dice co’ la faccia indifferente

Me so stufata nun ne famo gnente

E tireme su la lampo der vestito

E te lo vojo di’ che so’ stato io

So’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto

Te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’

Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te

Tu nun ce crederai nun c’ho più visto

L’ho presa ar collo e nun me so’ fermato

Che quann’è annata a tera senza fiato

Ner cielo da ‘no squarcio er sole è uscito

E io la sotterravo co’ ‘ste mano

Attento a nun sporcamme sur vestito

Me ne so’ annato senza guarda’ ‘ndietro

Nun c’honrimorsi e mo’ ce torno pure

Ma nun ce penso a chi ce sta la’ sotto

Io ce ritorno solo a guarda’ er mare

E te lo vojo di’ che so’ stato io

So’ quattr’anni che me tengo ‘sto segreto

Te lo vojo di’ ma nun lo fa sape’

Nun lo di’ a nessuno tiettelo pe’ te

La nuova versione di Piotta

A 50 anni dall’uscita di “Lella”, Piotta ha riarrangiato e ricantato Lella aggiungendo anche una parte di testo. Una sorta di seconda vita per la canzone che è stata cantata anche da Lando Fiorini, Antonello Venditti e Claudio Baglioni, tra gli altri. In questa seconda versione l’assassino non desidera il perdono, vuole farla finita perché dopo 50 anni il peso di quanto fatto è troppo grande.

Siamo su Google News: tutte le news sullo spettacolo CLICCA QUI

Latest Posts

Don't Miss