Chi è Antonio D’Amico, lo storico compagno di Versace: che patrimonio!

- Advertisement -

Antonio D’Amico, chi è lo storico compagno di Versace: scopriamo tutto quanto su di lui e sul suo incredibile patrimonio.

Antonio D’Amico è uno stilista italiano, famoso soprattutto per la sua storica relazione con Gianni Versace, iniziata nel 1982 e terminata nel 1997, con la morte dello stilista. In tutto questo tempo, Antonio aiutò la sua dolce metà nel proprio lavoro, contribuendo alla creazione della linea sportiva. Scopriamo dunque chi è Antonio D’Amico e il suo incredibile patrimonio.

Chi è Antonio D’Amico

Antonio D’Amico nasce in Puglia il 21 gennaio 1959, da bambino si trasferisce con la madre a Milano e vive il dramma della morte della sorella, avvenuta per una patologia cardiaca. Presto si appassiona al mondo della moda e lavora prima come modello, poi come Fashion Designer.

Nel 1982, D’Amico conosce Gianni Versace e tra i due scatta subito il colpo di fulmine: per 15 anni la loro storia d’amore procede a gonfie vele, fino a che Andrew Cunanan non ha posto fine, a colpi di pistola, alla vita del celebre stilista.

LEGGI ANCHE: Anticipazioni Grande Fratello VIP 10 dicembre: Signorini spiazzerà tutti

Antonio D’Amico: patrimonio

La morte del compagno è stata un duro colpo per D’Amico, che ha vissuto un periodo di depressione, allontanandosi anche dalla scena della moda. Dopo la sua morte, Gianni Versace ha lasciato un’ingente eredità al suo compagno, anche se l’uomo ha dovuto rinunciarvi in parte a causa dei cattivi rapporti con Donatella e Santo Versace.

Ad ogni modo, stando alle stime del sito Net Worth Post, il patrimonio di Antonio D’Amico si aggira intorno ai 19 milioni di dollari, cifra raggiunta probabilmente soprattutto grazie al lascito del suo ex compagno. Una cifra che sarebbe potuta essere anche più alta se non fosse stato per i cattivi rapporti che D’Amico aveva con la famiglia Versace, che l’hanno costretto a rinunciare a una parte di quella corposa eredità.

Siamo su Google News: tutte le news sullo spettacolo CLICCA QUI