The Witcher, la morte di Geralt di Rivia: quanto vive uno strigo?

The Witcher, la morte di Geralt di Rivia: quanto vive uno strigo?

Venerdì 17 dicembre 2021 è arrivata su Netflix la seconda stagione di The Witcher con Henry Cavill. Ecco una curiosità sul celebre personaggio di Geralt di Rivia.

Geralt è interpretato dal 38enne Henry Cavill ma quanti anni ha in realtà? Quanto è lunga la vita di un Witcher? Ecco cosa sappiamo sul personaggio di Andrzej Sapkowski.

LEGGI: Un Professore come è finita la fiction con Alessandro Gassmann

The Witcher, la morte di Geralt

Geralt di Rivia non è un essere umano, è uno strigo, un Witcher. Ciò vuol dire che il suo corpo può cose che quello di un qualsiasi uomo non può. Ciò influisce anche sul suo invecchiamento. Non è un essere immortale ma il suo arco vitale è ben più lungo di quasi tutte le persone che lo circondano.

Basti pensare che nella prima stagione della serie TV Netflix trascorrono circa 30 anni tra il primo episodio e l’ultimo. Il viso di Geralt non sembra aver affatto sentito il peso di questo periodo così lungo.

Come nasce un Witcher

Per capire al meglio come funziona il corpo di Geralt, occorre capire come vengano creati i Witcher. Nei romanzi di Andrzej Sapkowski un gruppo di maghi, in grado di incanalare il potere del Caos per spezzare le leggi della fisica, ha creato i primi Witcher. Tutto ciò è avvenuto grazie all’alchimia, con la quale delle persone normali sono state trasformate in arme viventi in grado di combattere i mostri che minacciavano il Continente. Col tempo la pratica è stata attuata su dei bambini, con soli 3-4 sopravvissuti generalmente ogni 10 messi alla prova. Ciò che ottengono sono poteri incredibili, a partire da forza e riflessi aumentati. A ciò si aggiungono sensi molto più fini e un’incredibile capacità di guarigione dalle ferite. Come se non bastasse, il proprio arco vitale risulta allungato enormemente.

LEGGI: Un Professore seconda stagione: cosa sappiamo della fiction

Quanto vive un Witcher

Vasemir, maestro di Geralt di Rivia, è il Witcher più longevo mai conosciuto. È nato nel 1095, stando al calendario del Continente. Abbandonata la propria vita da servitore, a soli 12 anni ha accettato di seguire Deglan e unirsi ai Witcher, sopravvivendo alla prova presso Kaer Morhen. Aveva circa 70 anni quando la fortezza crollò nel 1165, anche se il suo aspetto sembrava quello di un giovane nel pieno delle forze.

LEGGI: Mare Fuori 2 come finisce: quando va in onda la puntata finale

All’inizio della seconda stagione di The Witcher Geralt ha ben 104 anni e Vesemir ha raggiunto la veneranda età di 169 anni. Non si tratta però delle uniche creature del mondo di Sapkowski ad avere un’aspettativa di vita così lunga. Stregobor, uno dei maghi fondatori della Fratellanza degli Stregoni, è nato nel 786. A dir poco longevi sono anche gli elfi. Ad ogni modo non si conosce il massimo della longevità cui un Witcher può ambire. Il motivo è semplice: nessuno di loro è mai morto di vecchiaia.

Siamo su Google News: tutte le news sullo spettacolo CLICCA QUI