Liberato testo canzone Partenope e video rivelatore

- Advertisement -

Il testo di Partenope nuova canzone di Liberato tratta dal secondo album di inediti. Il video rivela la storia della sirena che non conosci

Come da tradizione Liberato fa felice i suoi fan e il 9 maggio ha pubblicato il suo secondo album. La tracklist di Liberato II è composta da 7 canzoni e in contemporanea con l’uscita sulle piattaforme musicali sono stati pubblicati tutti i video dei brani. In particolare il singolo scelto per il lancio del nuovo progetto discografico è Partenope con un video che deve la partecipazione di Giacomo Rizzo. Francesco Lettieri, regista tutti i videoclip di Liberato, ha scelto Palazzo Reale di Napoli come location per raccontare la storia che si cela dietro la leggenda di Partenope.

Liberato testo e video nuova canzone Partenope

Nel video di Partenope, la sirena da cui prende il nome la canzone ritorna sulla terraferma per riprendere un anello indossato da Giacomo Rizzo che interpreta il re. Per farlo Partenope si finge ballerina, poi ammalia il protagonista e infine lo uccide con il suo canto. Una volta tornata in possesso del suo anello, ritorna nel mare. La leggenda di Partenope parla della sirena presente nell’Odissea che uccideva i marinai con il suo canto. Innamoratasi però di Ulisse e scottata dal non essere riuscita nel suo intento, si suicida e il suo corpo vaga nel mare Egeo fino ad attraversare l’intero Mediterraneo ed incastrarsi proprio nel golfo di Napoli. Questo il testo di Partenope:

Ô chiostro ‘e Santa Chiara na matina te ‘ncuntraje
Accumminciaje a cantá, nun l’aggio fatto maje
“Staje calmo”, rispunniste, “‘E na manera ammo apparà”
“Ce stanno tutt”e cumpagne, mo nun pozzo parlá”
‘A primma vota ascettemo, ô mare me purtaje
Dicette: “Me faje chiagnere, tu me faje male assaje”
E popo allora ‘int’a chillu mumento c”a vasaje
“Ammò, so’ na sirena”, dicette e me guardaje

Ce piace a ballá ‘nnanz’a tutte quante
No, nun se ne fotte ‘e chi ce sta annanze
Dice: “S’Agapõ” cu na sola ‘nganna
Sempe pe piacere, maje pe cummanno
Chesta è na dio ‘e petra, ma nun s”o penza
Ce piace ‘e fá ‘a femmena ‘e cunfedenza
Chella voce è n’arma senza licenza
Baby, nun te pozzo fá resistenza

‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na

Ma che ce tene chesta? Na, na, na, na, na
Nun se perde maje na festa, na, na, na, na, na
‘Int’ô lietto è na tempesta, na, na, na, na, na
‘Nnammurato for the first time, na, na, na, na, na
Lievate ‘a cammesella, na, na, na, na, na
‘Bbascio ‘sta scalinatella, na, na, na, na, na
‘O ritratto ‘e nanninella, na, na, na, na, na
Comme è tosta ‘a piccerella, na, na, na, na, na

Ô chiostro ‘e Santa Chiara a mezanotte me purtaje
Accumminciò a parlá, nun l’eva fatto maje
“Stai calmo, ma ce sta nu fatto che t’aggi”a cuntá
Ammò, so’ na sirena”, dicette e me guardaje

‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na
‘Nnammurato for the first time, na-na, na-na

Ce piace ‘e cantá ‘nnanz’a tutte quante
No, nun se ne fotte ‘e chi ce sta annanze
Sempe cu na mano ca sta accucchianno
A ffá ammore ô Parco d”a Rimembra-bra-bra
Ma che ce tene chesta, na, na, na, na, na
Cu chell’aria ‘e principessa, na, na, na, na, na
Pe na stupida promessa, na, na, na, na, na
‘Nnammurato for the first time, na, na, na, na, na

‘Nnammurato for the first time (Na-na, na-na)
‘Nnammurato for the first time (Na-na, na-na)
‘Nnammurato for the first time (Na-na, na-na)
‘Nnammurato for the first time (Na-na, na-na)
(Na-na, na-na, na-na, na-na)

(Na-na, na-na)
(Na-na, na-na)
(Na-na, na-na)
(Na-na, na-na)

Nu juorno bell’e bbuono a ‘sta guagliona nn”a truvaje
Chiedette a tutte parte, nisciuno me pensaje
Nun te n’adduone ca ‘sta piccerella t’affunnaje
“Ammò, era na sirena”, dicette e me guardaje