Skip to main content

Perché Ultimo si chiama così: il motivo del nome d’arte e il vero nome del cantante di Alba a Sanremo 2023

Il vero nome di Ultimo è Niccolò Moriconi, giovane artista di Roma, nato il 27 gennaio 1996. Il cantante di Alba a Sanrmeo 2023 ha 27 anni ed è cresciuto nel quartiere San Basilio della Capitale. Ha studiato pianoforte e composizione fin da quando aveva appena 8 anni, presso il Conservatorio Santa Cecilia, scrivendo le proprie canzoni, e componendole ovviamente, dai 14 anni in poi. Dal 2010 ha iniziato a frequentare la Melody Music School dedicandosi anche al canto, per poi ottenere un contratto con la Melody Studio Recording. Nel 2013 ha vinto il concorso Una voce per il Sud, portando il brano Regalami un sorriso, per poi presentare Amo te in un altro concorso benefico poco dopo. Prova come tanti la via dei talent, e così nel 2012 e nel 2014 prende parte ai casting di Amici e X Factor, ma in entrambi i casi è stato scartato. Dopo i concerti benefici e il grande studio, dunque, la sua gavetta prende forma sui palchi dei locali romani, soprattutto a San Lorenzo, come lo Spaghetti Unplugged. Proprio qui riesce a formarsi e a dare vita anche alla sua prima fanbase, cantando insieme ad altri futuri esponenti della scena romana, da Motta a Tommaso Paradiso. Strano pensare come siano trascorsi appena due anni dalla pubblicazione su YouTube, in totale autonomia, dei singoli Fragile e Ritrova i tuoi passi, alla vittoria di Sanremo Giovani 2018. Qui si è presentato come Ultimo, ma perché si chiama così. Il nome d’arte non ha nulla a che fare con quello registrato all’anagrafe, non vi sono giochi di parole di nessun tipo. Il motivo è da ritrovarsi in uno stato emotivo e mentale: “Si tratta di una condizione in cui io mi sono sentito e in cui mi sento ancora oggi”.

Ultimo famiglia

Niccolò Moriconi, Ultimo, è figlio di Sandro Moriconi, ingegnere civile, e Anna Sanseverino, impiegata dell’Enel. Non è figlio unico, ma è il più piccolo di tre maschi e i suoi fratelli maggiori si chiamano Lorenzo e Valerio. La figura di sua madre è stata molto importante e si può definirla centrale nella carriera e vita di Niccolò. Dopo la separazione dei genitori, avvenuta quando il cantante aveva appena quattro anni, lui è cresciuto con sua mamma Anna, alla quale ha dedicato la canzone 7+3. Guardando alle informazioni che abbiamo su suo padre, sappiamo che Sandro Moriconi ha fondato la Moriconi Costruzioni srl dopo gli studi e il lavoro da direttore tecnico presso una società. Non sappiamo molto del fratello Alessandro ma Valerio pare aver iniziato a collaborare con Ultimo, prendendo parte al suo lungo tour nel 2022. Dai profili social pare che la famiglia abbia trovato la forza di riunirsi, come dimostra la presenza del padre Sandro all’Ariston per suo figlio. Un lieto fine, dopo tante sofferenze e ora tutti, mamma, papà e fratelli, fanno un tifo sfegatato per Niccolò, che a Sanremo 2023 con Alba sta provando a dire la sua ed è riuscito a conquistare una classifica decisamente interessante. Davanti a sé ha ancora Marco Mengoni ma lotterà fino alla fine per non ripetere quel secondo posto del 2019 dietro Mahmood.

Giancarlo Spinazzola

Giornalista professionista classe '87, diverse le esperienze maturate soprattutto in ambito sportivo. Inviato per il calciomercato e le Universiadi ma anche per eventi di politica interna ed esteri, dal vertice bilaterale Italia-Francia alle elezioni. Ex direttore di Road2Sport e F1world, sono redattore per varie testate web e collaboro nella redazione sportiva della tv regionale campana Canale 21