Skip to main content

Chi è Peppe Servillo Don Pierino ne Il Commissario Ricciardi 2: fratello di Toni e leader degli Avion Travel

Nella fiction con Lino Guanciale Il Commissario Ricciardi 2 trova più spazio il personaggio di Don Pierino Fava, interpretato da Peppe Servillo. Il celebre attore, cantante, compositore e sceneggiatore si è calato nei panni di un sacerdote, con il quale il protagonista Ricciardi stringe un profondo rapporto d’amicizia. Peppe Servillo, 62 anni, è un pezzo da novanta nel mondo dell’arte italiana, essendo riuscito a imporsi in ogni ambito in cui è stato impegnato. Cantante e attore di enorme livello, è nato il 15 ottobre 1960 ad Arquata Scrivia, in provincia di Alessandria. Viene però naturale chiedersi perché mai sia considerato un artista campano e il motivo è presto spiegato: insieme con il celebre fratello Toni Servillo, è cresciuto a Caserta, trasferitosi con la sua famiglia da bambino. Per quanto possa sembrare sorprendente, Peppe Servillo è autodidatta, ed è arrivato a fare il suo esordio con gli Avion Travel, a 20 anni, nel 1980, grazie al proprio talento e soprattutto alla grande caparbietà che lo contraddistingue. Da allora è il frontman del gruppo e nel 2000, al loro fianco, ha vinto il Festival di Sanremo con il brano Sentimento. In precedenza con il suo gruppo aveva catturato il pubblico dell’Ariston con la canzone Dormi e Sogna che nell’edizione del Festival del 2018 aveva conquistato il Premio della Critica e della Giuria di Qualità per il miglior arrangiamento e migliore musica.

Come autore, ha collaborato con cantanti celebri come Patty Pravo e Fiorella Mannoia, scrivendo inoltre la colonna sonora di L’uomo in più, celebre film di Paolo Sorrentino con protagonista suo fratello Toni Servillo, e opere teatrali. Ha recitato in svariati film, collaborando con registi di grande talento e successo, a partire dal suo esordio nel 1999 in Tipota di Fabrizio Bentivoglio, che lo ha voluto poi anche per Lascia perdere, Johnny, otto anni dopo. Nel 2009 ha recitato in Mannaggia alla miseria, della compianta Lina Wertmuller, per poi prendere parte da protagonista a Passione, progetto esaltante di John Turturro sul mondo della musica napoletana. Restando in ambito partenopeo, è presente in Song ’e Napule dei Manetti Bros, che lo avevano già scelto per Paura 3D l’anno precedente. In ambito televisivo, infine, negli ultimi anni ha recitato sia nella fiction Il commissario Ricciardi che ne I bastardi di Pizzofalcone, entrambe opere tratte dalla penna di Maurizio De Giovanni. Della vita privata di Peppe Servillo, che tutela con grande attenzione, sappiamo che è sposato da molti anni e da questo matrimonio è nato Rocco, di 22 anni.

Peppe Servillo fratello di Toni Servillo

Peppe Servillo è il cantante degli Avion Travel e molto altro, così come non di certo soltanto il fratello minore di Toni Servillo, anzi. Entrambi attratti dal mondo dell’arte, hanno un solo anno di differenza, il che ha permesso loro di vivere le fasi della vita fianco a fianco, sperimentando allo stesso tempo la recitazione. Un tesoro prezioso del mondo dell’arte italiana, come dimostrano ampiamente i risultati ottenuti individualmente e in coppia. Insieme hanno lavorato in La parola canta e ancor prima per Le voci di dentro di Eduardo De Filippo, rappresentazioni che hanno estasiato il pubblico, evidenziando tutta la loro alchimia. L’ultimo spettacolo è proprio La parola canta dove i fratelli Servillo accompagnati dal Solis String Quartet hanno reso omaggio alla cultura napoletana. Anni fa in un’intervista a La Stampa Peppe si è aperto sul rapporto professionale con suo fratello Toni Servillo, della loro passione per musica e teatro, soffermandosi soprattutto su cosa significasse essere diretto sul palcoscenico dall’ attore de La Grande Bellezza. Tra i due c’è grande intesa, sono cresciuti artisticamente a Caserta frequentando lo stesso ambiente di professionisti. Si esprimono all’unisono valorizzando il testo l’uno con il suono della parola, l’altro con la musica.

Luca Incoronato

Giornalista pubblicista, orgoglioso classe '89. Mai avuto alternative alla scrittura, dalle poesie d'amore su commissione in terza elementare al copywriting. Appassionato di cinema e serie TV, pare io sia riuscito a farne un lavoro