Resta con me come finisce: addio Diego

Luca Incoronato
04/04/2023

Resta con me come finisce: addio Diego

Come finisce Resta con me, l’ultima puntata della fiction con Francesco Arca: chi è la talpa e che fine fa il piccolo Diego

Il finale di Resta con me è andato in onda lunedì 3 aprile. La fiction con Francesco Arca si è conclusa ed ecco cos’è successo negli ultimi due episodi. Il penultimo riparte dal colpo di pistola sparato da Diego contro Tarek, accusato della morte di suo padre. Per fortuna il proiettile non lo colpisce e Alessandro interviene rapidamente ed evita il peggio. Il poliziotto raccoglie il bossolo da terra e riesce a portare via il bambino, tenendo a bada il criminale infuriato. Tornato a casa con Diego, nasconde la pistola nella cassaforte, parlando con il ragazzo, insieme a Paola, del malessere che si porta dentro.

Dopo la sparizione e i tanti sospetti, l’appartamento di Stefano è chiuso da sigilli ma una sua vicina di casa ha sentito dei rumori. Allertata, Ilaria si precipita lì con Marco, che le ha chiesto di sposarlo, intanto, trovando un ragazzo pronto alla fuga. Si tratta di Luca Rosai, che lavora nella finanza e ha fatto degli investimenti errati. Stefano, il suo fidanzato, lo stava aiutando. Alessandro, intanto, parla ancora con Nino Capuano e prova a convincerlo a collaborare per fermare la banda una volta per tutte. Di colpo in Questura arriva un video che riprende la sparatoria scatenata da Diego, il che porta Scudieri alal sospensione automatica da parte della Raimondi. Tutto questo porta alla rimozione dell’affidamento del bambino. Intanto Capuano si convince e chiama gli agenti ma Alessandro è sospeso e a casa su ci va Palma. Che sia lui la talpa che Francesco Arca sta cercando?

Come finisce Resta con me: ultima puntata

Con l’inizio dell’ultima puntata scopriamo come finisce Resta con me. Facciamo subito un salto indietro nel tempo di tre mesi. Si festeggia in un locale la promozione di Palma a vicequestore aggiunto. Lasciato da Ilaria, si consola facendo sesso con una ragazza conosciuta quella sera. Brillo, quella notte il poliziotto investe alla guida un motociclista e si dà alla fuga. Torna indietro poco dopo ma non trova il corpo del ragazzo. Il giorno seguente gli arriva un video dell’accaduto sul cellulare. Un tale Fusco inizia a ricattarlo e scopriamo che è il capo della banda.

Palma è costretto a collaborare e fa ai criminali svariati favori. È lui il responsabile della morte di Gennaro, il padre di Diego. Avendo svelato che era un informatore di Scudieri, ha dovuto farlo fuori. Non ci pensa su a uccidere Capuano con un colpo alla schiena, per poi chiamare Alessandro e dirgli d’aver trovato il collaboratore morto. Scudieri è però certo che ci sia una talpa e un dettaglio nelle indagini sulla recente rapina della banda a un caveau gli fanno ritenere con certezza che sia Marco il corrotto. Lo segue fino all’incontro con Fusco, che però viene ucciso dal poliziotto, stanco dei ricatti. Ha inizio un inseguimento tra poliziotti e alla fine Scudieri arresta l’amico. Interrogato, mentre il resto della banda viene arrestato, confessa anche dove ha scaricato il corpo di Stefano. Ilaria non crede alle sue orecchie e distrugge la scrivania dell’uomo. A un passo dal Natale, la squadra si riunisce ma Alessandro e Paola vengono allertati della fuga di Diego dalla sua nuova casa. La coppia riesce a trovarlo e insieme vanno via ridendo. Un finale dolce ma il destino del bambino è ancora tutto da scrivere.