Film candidati ai David di Donatello 2022: le categorie più attese

Luca Incoronato
04/04/2022

Film candidati ai David di Donatello 2022: le categorie più attese

Il 3 maggio si terranno i David di Donatello 2022. Sono state svelate tutte le nomination e ovviamente c’è già grande curiosità per il premio del miglior film, considerando i tre favoriti di questa edizione.

Guardando alle candidature, è chiaro come Paolo Sorrentino, Gabriele Mainetti e Mario Martone mirino a racimolare un gran numero di David di Donatello. I loro film sono, rispettivamente, È stata la mano di Dio, Freaks Out e Qui rido io. Il confronto – scontro sarà soprattutto tra i primi due, in differenti categorie, considerando le ben 16 nomination ottenute a testa. Poco da meno il film su Scarpetta, che ha 13 candidature. Di seguito vi riportiamo le principali categorie.

LEGGI ANCHE: David di Donatello 2022: tutti i candidati

David di Donatello 2022 nomination

La categoria miglior film dice molto dell’ultima stagione cinematografica italiana. Toni Servillo ne è stato assolutamente protagonista. È infatti presente in ben tre film dei cinque in corsa per i David di Donatello 2022. È co-protagonista di Ariaferma con Silvio Orlando, interpreta il padre di Fabietto in È stata la mano di Dio e si è trasformato in Eduardo Scarpetta in Qui rido io. Queste tre pellicole se la vedranno con Ennio e Freaks Out. Stando ai pronostici, il favorito è senza dubbio il film di Paolo Sorrentino, giunto fino agli Oscar e battuto da Drive my car.

Decisamente più complessa la previsione per il miglior attore protagonista. Anche stavolta la sfida parrebbe essere a tre, con Silvio Orlando (Ariaferma), Filippo Scotti (È stata la mano di Dio) e Toni Servillo (Qui rido io) in vantaggio su Elio Germano (America Latina) e Franz Rogowski (Freaks Out).

Viene da pensare, invece, come vi siano due favorite come miglior attrice protagonista, ovvero Aurora Giovinazzo (Freaks Out) e Miriam Leone (Diabolik). In sfida anche Maria Nazionale (Qui rido io), Rosa Palasciano (Giulia) e Swamy Rotolo (A Chiara).

Ecco le nomination per il miglior attore non protagonista: Pietro Castellitto (Freaks Out), Fabrizio Ferracane (Ariaferma), Valerio Mastandrea (Diabolik), Edoardo Scarpetta (Qui rido io) e Toni Servillo (È stata la mano di Dio). Per la miglior attrice non protagonista la sfida è tra Susy Del Giudice (I fratelli De Filippo), Cristiana Dall’Anna (Qui rido io), Luisa Ranieri (È stata la mano di Dio), Teresa Saponangelo (È stata la mano di Dio) e Vanessa Scalera (L’arminuta).

Abbiamo già parlato della grande sfida interna tra le nomination dei David di Donatello 2022. Sono dunque Paolo Sorrentino, Gabriele Mainetti e Mario Mortone i favoriti per la miglior regia, anche se il lavoro di Giuseppe Tornatore per Ennio è stato enormemente acclamato. Al gruppo si aggiunge Leonardo Di Costanzao con Ariaferma. Interessante scoprire chi si aggiudicherà il premio per il miglior esordio alla regia, con Gianluca Jodice (Il cattivo poeta), Maura Delpero (Maternal), Laura Samani (Piccolo corpo), Alessio Rigo De Righi, Matteo Zoppis (Re granchio) e Francesca Costabile (Una femmina).

Per il miglior documentario occhi puntati su Ennio, che dovrebbe strappare il premio, a scapito dell’altro favorito Marx può aspettare. A completare il gruppo vi sono Atlantide, Futura e Onde radicali. Non soltanto sguardo in Italia, ovviamente. Vi sarà anche una lotta intrigante per il miglior film internazionale, con Belfast di Kenneth Branagh, Don’t Look Up di Adam McKay, Drive my car di Ryusuke Hamaguchi, Dune di Denis Villeneuve e Il potere del cane di Jane Campion.

Per la Film candidati al David di Donatello 2022saranno in corsa Jonas Carpignano (A Chiara), Leonardo Di Costanzo, Bruno Oliviero e Valia Santella (Ariaferma), Paolo Sorrentino (È stata la mano di Dio), Nicola Guaglianone e Gabriele Mainetti (Freaks Out) e Mario Martone e Ippolita Di Majo (Qui rido io).

Per la miglior sceneggiatura non originale è sfida tra Manetti Bros e Michelangelo La neve (Diabolik), Monica Zapelli e Donatella Di Pietrantonio (L’arminuta), Massimo Gaudioso, Luca Infascelli e Stefano Mordini (La scuola cattolica), Filippo Gravino, Guido Iuculano e Claudio Cupellini (La terra dei figli), Nanni Moretti, Federica Pontremoli e Valia Santella (Tre piani) e Lirio Abate, Serena Brugnolo, Adriano Chiarelli e Francesco Costabile (Una femmina).

Siamo su Google News: tutte le news sullo spettacolo CLICCA QUI